Regolamento vendite a distanza B2B e B2C

Regolamento vendite a distanza B2B e B2C

Qual è la differenza tra B2B ed B2C normativa sulle vendite a lunga distanza?

Cos'è il B2B

B2B si riferisce alla vendita di imprese ad altre imprese: questo è il modello Artisan Business. Possono trattarsi di servizi, informazioni e prodotti. Le aziende che li acquistano da altre aziende aggiungono loro valore per venderli e realizzare un profitto. Ciò può avvenire attraverso la produzione di nuovi prodotti, dal grano al pane. Possono anche semplicemente modificare leggermente il prodotto e spostarlo avanti. Questo tipo di vendita è solitamente di volume elevato e richiede un'infrastruttura specifica. Inoltre fate marketing in diversi modi, magari attraverso fiere e riviste economiche. Questo è diverso dal marketing sui social media direttamente ai consumatori.

Cos'è B2C?

B2C si riferisce alle imprese che vendono ai consumatori. Possono trattarsi di servizi, informazioni e prodotti. Possono trattarsi di attività che vendono beni e servizi in modo tradizionale, come bar, negozi di abbigliamento e addetti alle pulizie. Può anche trattarsi di vendita online di prodotti – e-commerce. Ciò coinvolge le aziende che vendono beni online ai consumatori su Internet.

Restituzione di articoli

Se una persona cambia idea quando acquista da un'azienda, di solito può ottenere un rimborso. Ma questa azienda può a sua volta chiedere un rimborso all'azienda che le ha venduto questi beni?

Qualsiasi entità che vende beni nel Regno Unito deve essere a conoscenza delle norme sui contratti con i consumatori. Questi sono particolarmente importanti per i consumatori che acquistano beni su Internet e avevano lo scopo di aumentare la fiducia nel nuovo mezzo.

I B2B sono esenti da queste normative, ma devono comunque rispettare le normative sul commercio elettronico. Allora a cosa porta questo in pratica?

Le normative implicano che se vendi a un'azienda, puoi creare e applicare i tuoi termini per resi e annullamenti. Questi sono i tuoi termini di servizio e devono essere scritti chiaramente e rispettati. Dovrebbe indicare la tua politica di restituzione. Devi anche assicurarti che tutti i tuoi clienti ne siano ben consapevoli prima di fare affari.

In pratica, ciò significa che le transazioni B2B non devono necessariamente aderire alle normative sui contratti con i consumatori e possono stabilire condizioni proprie.

Regolamento 2000 sulla protezione dei consumatori (vendita a distanza).

Ai sensi delle normative sulla protezione dei consumatori (vendite a distanza) del 2000, come modificate, un consumatore può ottenere un rimborso se semplicemente cambia idea sull'acquisto di qualcosa. Questo vale per beni e servizi. È tra consumatori e imprese senza intermediari. Le norme si applicano alla maggior parte delle transazioni di questo tipo su Internet.

Cosa è esente dai regolamenti sulla tutela dei consumatori (vendita a distanza) del 2000


1. Contratti tra imprese
2. Servizi finanziari venduti a distanza (tuttavia, questi sono disciplinati dalla normativa sui servizi finanziari (commercializzazione a distanza))
3. Contratti di compravendita di terreni
4. Prodotti acquistati dai distributori automatici
5. Beni o servizi acquistati all'asta con un banditore.

Tieni presente che eBay non è un sito di aste.

Nel B2C il consumatore ha molteplici diritti.

Un periodo di riflessione in cui hanno il diritto di cambiare idea entro 7 giorni dalla transazione. In alcuni casi, questo può occasionalmente durare fino a 3 mesi. Tuttavia, non si applica a quanto segue.
• Merci su misura
• Articoli deperibili: alimenti freschi e fiori
• CD, DVD e cassette una volta aperta la confezione
• Giornali e riviste
• Scommesse, giochi e lotterie

Rimborsi

Le regole stabiliscono che quando si applica la legge sulla tutela dei consumatori e il consumatore avvisa il venditore prima della fine del periodo di riflessione, deve ricevere un rimborso completo entro 30 giorni.

Restituzione della merce


Laddove si applichino le normative sulla tutela dei consumatori (vendite a distanza) del 2000 e un consumatore informa il fornitore prima della fine del periodo di riflessione, il consumatore deve prestare "ragionevole cura" del prodotto e restituirlo al fornitore.

Ciò non significa che il fornitore possa esigere la restituzione della merce, ma deve provvedere al ritiro o rimborsarlo per la restituzione.

Ciò non sarà vero se il fornitore stipula nel contratto che il consumatore deve restituire la merce a proprie spese. Solo allora l'addebito al cliente per un reso sarà legale.

Se il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto ai sensi di altre leggi, ad esempio perché la merce è difettosa, il fornitore non può addebitare al cliente i costi di restituzione.

Cosa succede se un fornitore si rifiuta di concedere un rimborso o di riprendere la merce?


L'Office of Fair Trading e il Trading Standards Departments delle autorità locali in Inghilterra e Galles hanno la responsabilità di far rispettare le normative.

Regolamento sul commercio elettronico (direttiva CE) del 2002


Qualsiasi transazione B2B deve rispettare le suddette normative. proteggono i diritti dei clienti che acquistano beni online.

Il Regolamento Commercio Elettronico si applica al “servizio della società dell'informazione” definendolo come “qualsiasi servizio prestato normalmente, dietro compenso, a distanza, mediante apparecchiature elettroniche atte all'elaborazione (compresa la compressione digitale) e all'archiviazione di dati, su richiesta individuale di destinatario del servizio”. Questo in effetti vale per l’e-commerce.

Il La normativa del 2002 sul commercio elettronico (direttiva CE) copre


• Si tratta di transazioni B2B e B2C su Internet, e-mail o SMS


• Aziende che fanno pubblicità su Internet, tramite e-mail o tramite SMS


• Aziende che trasmettono o archiviano contenuti elettronici per i clienti o forniscono accesso a una rete di comunicazione


• Il marketing diretto tramite telefono o fax non è coperto dai regolamenti sull'e-commerce.

Questi sono i requisiti che questa legge impone alle imprese

È necessario fornire le seguenti informazioni al momento della vendita:


• Il nome del fornitore di servizi


• L'indirizzo e-mail del fornitore di servizi


• Dettagli di eventuali associazioni di categoria di cui fa parte l'azienda


• Partita IVA


• Prezzi chiari e inequivocabili

Le società del Regno Unito che commerciano online devono prestare attenzione anche al Companies Act 2006 che stabilisce che anche le seguenti informazioni dovrebbero essere rese disponibili sui siti web:

• L'indirizzo della sede legale


• Numero di registrazione della società


• Luogo di registrazione

Se invii e-mail e messaggi di testo per scopi pubblicitari o di vendita, devi includere le seguenti informazioni:


• Che la comunicazione sia di tipo commerciale


• Il nome della persona per conto della quale viene inviata la comunicazione


• Se la comunicazione è un'offerta promozionale o un concorso promozionale


• Se la comunicazione è non richiesta (spam) deve essere identificabile come tale dalla riga dell'oggetto dell'e-mail senza la necessità di leggere il corpo del testo dell'e-mail.

È inoltre necessario fornire al cliente la possibilità di stampare e archiviare una copia dei termini e delle condizioni di vendita.

La normativa sull’e-commerce stabilisce che i consumatori che effettuano ordini online devono essere in grado di:


• Avere accesso ai passaggi tecnici da seguire per concludere il contratto


• Verificare se il contratto verrà compilato o meno e come accedervi


• Disporre dei mezzi tecnici per identificare e correggere gli errori di input prima di effettuare l'ordine finale


• Comprendere le lingue offerte per la conclusione del contratto


• Avere accesso a codici di condotta specifici, ove pertinente


• Accedere ai termini e alle condizioni di vendita sul sito

Dove ti porta questo in pratica?


Se sei un'azienda che ha acquistato da un'azienda, non hai il diritto legale di chiedere un rimborso se indicato nei termini e condizioni.

Se sei un'azienda e hai acquistato qualcosa per la tua attività, di solito si tratta di B2C e puoi restituirlo alle condizioni di cui sopra.ioni.

Hai già aggiunto 0 articoli al tuo bucket. Il limite è di 25 articoli. Puoi aggiungere fino a 25 altri articoli.

Carrello